In caso di disaccordo, sii leale, non offendere.

Prossimi eventi

05 Mar 2017
2° memorial Nadia Orsato a Covolo di Pederobba
Covolo di Pederobba
Uscite/Gare
12 Mar 2017
Dai monti al mare… passando sul Montello
Montello
Uscite/Gare
25 Mar 2017
5° edizione della 4 ore di Feltre
Feltre (BL)
Uscite/Gare
26 Mar 2017
Busche- Cesiomaggiore-Busche
Busche (BL)
Uscite/Gare
02 Apr 2017
Festa di primavera a Signoressa
Signoressa (TV)
Uscite/Gare
09 Apr 2017
Freewalker & May straky
Da definire
Uscite/Gare

Ultima uscita

Camminata per la Mente Camminata per la Mente Camminata per la Mente Camminata per la Mente Camminata per la Mente Camminata per la Mente Camminata per la Mente Camminata per la Mente Camminata per la Mente Camminata per la Mente

Spazio riservato per
la promozione

del tuo prodotto,
della tua azienda

o del tuo servizio.

Contattaci.

Tra ironia e serietà

Gruppo istruttori: da sinistra Fabrizio Ladino, Tiziana Crivelotto, Barbara Bergamin e Michele Gentile
Scuola Italiana Nordic Walking
A Feltre
Gruppo istruttori

Studi dicono che camminare è meglio che correre.

Uno studio recente, pubblicato sul Journal of American College of Cardiology, dimostra che le persone che camminano per fare esercizio fisico riducono circa del doppio il rischio di pressione alta e colesterolo alto rispetto a chi corre.


"Camminare è una specie di cosa naturale che facciamo, e se riusciamo a trovare il modo per inglobarlo nella nostra giornata possiamo ottenere benefici significativi per la salute", ha detto il dottor Steve Ball, professore associato di nutrizione e fisiologia dell'esercizio alla University of Missouri.


Ball ha detto che camminare può essere più utile in molti casi perché la corsa e le forme più energiche di esercizio spesso mettono troppa pressione sul corpo di una persona, mentre quando si cammina si può essere più naturali. "Nella nostra società tutto è organizzato perchè siamo inattivi, e quindi abbiamo questi lavori sedentari, abbiamo ascensori, abbiamo automobili", ha detto Ball. "E così, siamo diventati più sedentari nel tempo".


Ball ha detto che anche piccole quantità di esercizio fisico possono avere un grande impatto, e lui ha anche un tapis roulant sotto la sua scrivania a cammina durante il giorno al lavoro.
"Spesso pensiamo che siano necessari veri e propri programmi di esercizio a beneficio della salute", ha detto Ball. "Non è vero. Se è possibile integrare l'attività nella nostra giornata, è possibile ottenere benefici significativi per la salute, la pressione sanguigna migliora, la frequenza cardiaca a riposo va giù, il colesterolo migliora, si diventa più sensibili all'insulina. Basta camminare per avere molte di queste cose".


"Quando vado a parlare con gli scolari di quinta elementare in una scuola, sanno che l'esercizio fisico fa bene", ha detto Ball. "Sono favorevole a fare tutto ciò che si può per aiutare le persone a essere più attive, come più percorsi, più parchi, rendere più conveniente e più facile l'accesso alle strutture. Ma una parte di tutto questo dipende dalle persone".

 

 


Fonte: Tyler Murry in KOMU 8 (>English version) - Traduzione di Franco Pellizzari.

Riferimenti: Schnohr P, O'Keefe JH, Marott JL, Lange P, Jensen GB. Dose of jogging and long-term mortality: the Copenhagen City Heart Study.J Am Coll Cardiol. 2015 Feb 10;65(5):411-9. doi: 10.1016/j.jacc.2014.11.023.

Copyright: Tutti i diritti di eventuali testi o marchi citati nell'articolo sono riservati ai rispettivi proprietari.

Liberatoria: Questo articolo non propone terapie o diete; per qualsiasi modifica della propria cura o regime alimentare si consiglia di rivolgersi a un medico o dietologo. Il contenuto non dipende da, nè impegna l'Associazione Freewalker Team asd. I siti terzi raggiungibili da eventuali links contenuti nell'articolo e/o dagli annunci pubblicitari sono completamente estranei all'Associazione, il loro accesso e uso è a discrezione dell'utente.

Nota: L'articolo potrebbe riferire risultati di ricerche mediche, psicologiche, scientifiche o sportive che riflettono lo stato delle conoscenze raggiunte fino alla data della loro pubblicazione.