Prossimi eventi

29 Ott 2017 09:00 -
Si sta come d’autunno sugli alberi le foglie…
Nervesa della Battaglia (TV)
Uscite/Gare
05 Nov 2017
'S.Simon coi baston' a Tovena
Tovena di Cison di Valmarino (TV)
Uscite/Gare
08 Dic 2017
'Verso Natale' in mezzo ai mercatini
Crocetta del Montello (TV)
Uscite/Gare
10 Dic 2017
Aspettando Babbo Natale
Volpago del Montello (TV)
Uscite/Gare

Ultime foto aggiunte

Camminata per la Mente Camminata per la Mente Camminata per la Mente Camminata per la Mente Camminata per la Mente Camminata per la Mente Camminata per la Mente Camminata per la Mente Camminata per la Mente Camminata per la Mente

Tra ironia e serietà

INIZIATIVE A FINI SOCIALI
Camminata per la mente a favore dell'Associazione Alzheimer onlus di Riese Pio X
LA PALESTRA DEL TERRITORIO: CROCETTA DEL MONTELLO -TV
USCITE INFRASETTIMANALI E DOMENICALI
CORSI BASE E AVANZATI DI NORDIC WALKING
PREPARAZIONE E CERTIFICAZIONE PER ASPIRANTI ISTRUTTORI
FELTRE 4 ORE NORDIC WALKING 2017

Come fare dell'esercizio fisico un'abitudineLa modella Jessica Gomes sa come fare. Inizia una routine quotidiana di esercizio e diventerà semplicemente abitudine. (Foto: Jason Edwards) 

AS ONE of those annoying people who exercises 6-7 times a week I have a confession to make — I can no longer, in good conscience, accept the motivation related high-fives.

The truth is, while it took me a lot of motivation to get to this point, for the past decade I’ve really just been coasting along on the back of a well-formed habit. And the secret is that once exercise becomes habitual, willpower is no longer necessary.

So for those of you wanting to take the “I don’t wanna!!” out of exercising, I thought I’d reveal a few tricks that helped me get to this point and in the interests of throwing a bit of science into the mix I ran these tactics past Sydney-based exercise physiologist Dr Bill Sukala.

PUT ONE FOOT IN FRONT OF THE OTHER

This is often the hardest part especially at the beginning of the journey. For exercise to ever become a no-brainer you have to get to the point where it feels good. Positive outcomes like the rush of endorphins, the sense of accomplishment or the inevitable changes in your body shape are powerful motivators but only if you’ve experienced them first hand.

One way I used to trick myself was by dividing bigger goals into smaller easily achievable ones. If I didn’t feel like going to the gym I’d say “I’ll just get changed and see how I feel,” then once I was changed it was much easier to say “I’ll just get in the car and start driving.” Eventually after completing a few of these little goals you’re sitting outside the gym and it’s actually more effort NOT to go.

What the doc says:

“It’s important to remember that a little bit of something is better than a lot of nothing. Even if you force or trick yourself into going, the next step is then focusing on how great you feel during or after exercise. Start associating exercise with pleasure and how good you feel/look as a result and you’ll be more inclined to want to go.”

SHORT-TERM GOALS BUILD LONG-TERM COMMITMENT

Research at University College London discovered that building a habit takes an average of 66 days. If you actively commit to exercising regularly for just over two months instead of saying “I have to do this forever” it’s a much less terrifying goal. Plus at the end of that time research suggests that behaviour will have either ticked over into a habit or you’ll be well on your way.

What the doc says:

“It’s important not to bite off more than you can chew in the beginning. It’s a case of focusing on the here and now and staying in the moment with the longer-term goal in the back of your mind.”

FIND AN EXERCISE YOU LIKE

This was a game changer for me. My regular weekly routine now consists of step class, pilates and yoga and all three classes I absolutely love. But to get to that perfect combination I tried it all — running, cross fit, group sports, swimming, dance classes, Zumba, you name it. Sometimes it takes a while to find the exercise that’s the perfect combination of enjoyment and results, so keep trying until you find the one that’s right for you because once you do turning up will be easy.

What the doc says:

“The best exercise in the world is the one you like and the one you’ll stick with over the long haul.”

SET REALISTIC GOALS

Some people think a good training session means you have to vomit at the end of it. The reality is that just moving is exercising and it doesn’t need to be strenuous or painful to be beneficial, especially if you’re just starting out. I spend three-quarters of pilates horizontal on a reformer and often don’t break a sweat but I’ve seen more results in that class than any other.

A goal needs to be something achievable because if it’s too high you’ll end up falling short and disappointment can be a powerful demotivator. So remember that fitness isn’t about doing an ultra marathon or climbing Mount Everest, it’s about beating your own personal best.

What the doc says:

“The man who moves mountains begins by removing one small rock at a time. I think small goals are great for building a person’s self efficacy. Get some runs on the board and then progressively build up to the bigger more lofty goals.”

DIARISE YOUR EXERCISE

Quite often we miss out on exercise because we don’t prioritise it like we would a work meeting or dinner with friends. By putting exercise into your diary you can plan around it.

What the doc says:

“The hard part is not viewing it as expendable if something better comes up. If you’re sick and tired of being sick and tired, then you cannot solve today’s problems using the same old thinking ie: blowing off the gym. Habit is three quarters of the battle. Once the mind is on board then the physical body follows.”

And here’s one more tip from the doc:

PHONE A FRIEND

Dr Sukala suggests that locking in exercise with a partner can help you stick to your goals, even if the partner isn’t human.

“If you have a dog, take him/her out for regular walks at a certain time of day. After a while, the dog’s brain gets conditioned just the same and when it’s time to go, Rover will be there at your bedside with his lead in his mouth waiting for you! Think of him as your own personal exercise machine with fur!”


So what are you waiting for? Go get exercising!

Come una di quelle persone maleducate che esercita 6-7 volte a settimana ho una confessione da fare - non posso più, in buona coscienza, accettare le motivazione relative alta cinque.

La verità è che, mentre ci ho messo un sacco di motivazioni per arrivare a questo punto, negli ultimi dieci anni ho davvero appena stato costeggiando sul retro di un abito ben formato. E il segreto è che una volta l'esercizio diventa abituale, la forza di volontà non è più necessario.

Quindi, per quelli di voi che vogliono prendere il "non voglio !!" fuori esercizio, ho pensato di rivelare alcuni trucchi che mi ha aiutato arrivare a questo punto e nell'interesse di gettare un po 'di scienza nella mix Mi sono imbattuto queste tattiche ultimi fisiologo Sydney-based dottor Bill Sukala.

Mettere un piede davanti all'altro

Questo è spesso la parte più difficile soprattutto all'inizio del viaggio. Per l'esercizio diventi mai un gioco da ragazzi si deve arrivare al punto in cui ci si sente bene. Risultati positivi, come la corsa di endorfine, il senso di realizzazione o gli inevitabili cambiamenti nella forma del corpo sono potenti motivatori, ma solo se non hai vissuto in prima persona.

Un modo che ho usato per ingannare me stesso era dividendo obiettivi più grandi in quelle più facilmente raggiungibili più piccoli. Se io non avevo voglia di andare in palestra direi "Mi limiterò a cambiarmi e vedere come mi sento", quindi una volta che è stato cambiato è stato molto più facile dire "mi limiterò a salire in macchina e cominciare a guidare. "Alla fine, dopo aver completato alcuni di questi piccoli obiettivi si sta seduti fuori della palestra e in realtà è più sforzo per non andare.

Quello che il dottore dice:

"E 'importante ricordare che un po' di qualcosa è meglio di un sacco di nulla. Anche se si forza o ingannare voi stessi ad andare, il passo successivo è quindi concentrando su quanto grande si sente durante o dopo l'esercizio. Inizia associando esercizio con piacere e come vi sentite bene / aspetto come un risultato e sarete più propensi a voler andare. "

Obiettivi a breve termine BUILD LUNGO TERMINE IMPEGNO

La ricerca presso l'University College di Londra ha scoperto che la costruzione di un abito prende una media di 66 giorni. Se si impegnano attivamente per esercitare regolarmente per poco più di due mesi, invece di dire "devo fare questo per sempre" è un obiettivo molto meno terrificante. Inoltre, alla fine di quel tempo la ricerca suggerisce che il comportamento avrà sia spuntata sopra in un abito o sarete sulla buona strada.

Quello che il dottore dice:

"E 'importante non passo più lungo della gamba all'inizio. E 'un caso di concentrarsi sul qui e ora e stare in questo momento con l'obiettivo a lungo termine nella parte posteriore della vostra mente ".

Trovare un esercizio GRADITE

Questo è stato un punto di svolta per me. La mia routine settimanale regolare ora consiste di classe step, pilates e yoga e tutte e tre le classi sono assolutamente d'amore. Ma per arrivare a quella combinazione perfetta ho provato tutto - in esecuzione, in forma trasversale, sport di gruppo, nuoto, lezioni di danza, Zumba, è il nome. A volte ci vuole un po 'per trovare l'esercizio che è la perfetta combinazione di divertimento e risultati, quindi continuare a provare fino a trovare quella che fa per voi, perché una volta che si fa alzare sarà facile.

Quello che il dottore dice:

"Il miglior esercizio del mondo è quello che ti piace e quello che ti bastone con nel lungo periodo."

Impostare obiettivi realistici

Alcune persone pensano una buona sessione di allenamento significa che si deve a vomitare alla fine di esso. La realtà è che semplicemente spostando sta esercitando e non ha bisogno di essere faticoso o doloroso per essere utile, soprattutto se si sono appena agli inizi. Trascorro tre quarti di pilates orizzontale su un riformatore e spesso non sudare ma ho visto più risultati in quella classe di ogni altro.

Un obiettivo deve essere qualcosa di realizzabile, perché se è troppo alto si finirà per cadere a breve e la delusione può essere un potente demotivator. Quindi ricorda che il fitness non si tratta di fare una maratona ultra o scalare l'Everest, si tratta di battere il proprio record personale.

Quello che il dottore dice:

"L'uomo che sposta le montagne comincia rimuovendo una piccola roccia alla volta. Penso piccoli obiettivi sono l'ideale per la costruzione di autoefficacia di una persona. Ottenere alcune piste sulla scheda e poi progressivamente costruire agli obiettivi più alti più grandi ".

Esercitare il vostro annotare nel diario

Molto spesso ci manca fuori su esercizio perché non la priorità è come se fosse un incontro di lavoro o una cena con gli amici. Mettendo esercizio al diario è possibile pianificare intorno ad esso.

Quello che il dottore dice:

"La parte più difficile non è la visualizzazione come sacrificabile se qualcosa di meglio viene in su. Se sei malato e stanco di essere malato e stanco, allora non si può risolvere i problemi di oggi con lo stesso vecchio modo di pensare cioè: soffia fuori la palestra. L'abitudine è tre quarti della battaglia. Una volta che la mente è a bordo allora il corpo fisico segue. "

Ed ecco un altro suggerimento dal documento:

CHIAMA UN AMICO

Dr Sukala suggerisce che il blocco in esercizio con un partner può aiutare a rispettare i vostri obiettivi, anche se il partner non è umano.

"Se avete un cane, portarlo / lei fuori per passeggiate regolari a una certa ora del giorno. Dopo un po ', il cervello del cane viene condizionato lo stesso e quando è il momento di andare, Rover sarà presente anche al vostro capezzale con la sua leadership in bocca ti aspetta! Pensate a lui come la vostra stessa macchina esercizio personale con la pelliccia! "


Allora, cosa stai aspettando? Vai a prendere esercizio!

 

 

 

 

 


Fonte: Rachel Corbett in Adelaide Now (>English version) - Traduzione di Franco Pellizzari.

Copyright: Tutti i diritti di eventuali testi o marchi citati nell'articolo sono riservati ai rispettivi proprietari.

Liberatoria: Questo articolo non propone terapie o diete; per qualsiasi modifica della propria cura o regime alimentare si consiglia di rivolgersi a un medico o dietologo. Il contenuto non dipende da, nè impegna l'Associazione Freewalker Team asd. I siti terzi raggiungibili da eventuali links contenuti nell'articolo e/o dagli annunci pubblicitari sono completamente estranei all'Associazione, il loro accesso e uso è a discrezione dell'utente.

Nota: L'articolo potrebbe riferire risultati di ricerche mediche, psicologiche, scientifiche o sportive che riflettono lo stato delle conoscenze raggiunte fino alla data della loro pubblicazione.