Non credere a tutto quello che ascolti, non spendere tutto quello che possiedi.
Effetti contrari tra attività fisica sul lavoro e quella del tempo libero
L'attività fisica professionale pesante in mezza età aumenta il rischio di limitazione della mobilità in età avanzata, mentre l'attività fisica nel tempo libero ne diminuisce il rischio. Questo è quanto ha scoperto uno studio che ha seguito 5.200 dipendenti del settore pubblico per 28 anni, eseguito al Centro di Ricerca di Gerontologia in Finlandia e all'Istituto Finlandese di…

Leggi >

L'attività fisica è utile alla cognizione in vecchiaia
L'attività fisica nella mezza età sembra proteggere dalla demenza in età avanzata, secondo uno studio condotto all'Università della Finlandia Orientale. Coloro che si erano impegnati in una attività fisica almeno due volte alla settimana avevano un rischio inferiore di demenza rispetto a…

Leggi >

Le nuove Freewalkers!!!
Si è concluso sabato 22 il primo corso base del 2014. Le sei partecipanti si sono entusiasmate alla tecnica del nordic walking fino a portare a conclusione il corso nelle tre lezioni tenute da Fabrizio e Michele. Da evidenziare la presenza di Sabrina, teenager determinata a diventare la…

Leggi >

In attesa di trapianto: il moto prolunga la sopravvivenza
Per molte persone con insufficienza cardiaca avanzata, un trapianto di cuore può essere l'unica speranza. Ma attendere un donatore è una corsa contro il tempo. I pazienti che rimangono attivi e in buona forma psicologica possono aumentare notevolmente le loro possibilità di sopravvivere a…

Leggi >

Se lo raccomanda un premio Nobel ...
A 85 anni, il premio Nobel James D. Watson, co-scopritore della struttura a doppia elica del DNA, continua ad avanzare idee scientifiche intriganti. L'ultima è una ipotesi sulla causa del diabete di tipo 2, che è comparsa online il 28 febbraio in The Lancet, la prestigiosa rivista medica…

Leggi >