Camminare in modo svelto può migliorare i sintomi del ParkinsonSe cerchi idee creative, esci a camminare. Gli angeli sussurrano all'uomo quando va a camminare. (Raymond Inmon)Le persone con Parkinson da lieve a moderato, che camminano regolarmente per fare esercizio fisico, possono migliorare la funzionalità motoria, l'umore, la stanchezza, la forma e alcuni aspetti delle abilità di pensiero.


Sono le conclusioni di uno studio pubblicato nell'edizione online del 2 luglio 2014 di Neurology®, la rivista medica dell'American Academy of Neurology.


"I risultati del nostro studio suggeriscono che camminare può costituire un modo sicuro e facilmente accessibile per migliorare i sintomi del morbo di Parkinson e migliorare la qualità della vita", ha detto l'autore dello studio Ergun Y. Uc, MD, dell'Università dello Iowa di Iowa City e del Veterans Affairs Medical Center di Iowa City, nonchè membro della American Academy of Neurology.


Lo studio ha incluso 60 persone che hanno partecipato a sessioni di cammino di intensità moderata, portando cardiofrequenzimetri, in tre sessioni di 45 minuti alla settimana, per sei mesi. I partecipanti si sono anche sottoppsti a test che hanno misurato la loro funzionalità motoria, la capacità aerobica, l'umore, la stanchezza, la memoria e le capacità di pensiero.


La velocità di percorrenza media era di circa 4,8 km all'ora, ed i partecipanti si sono esercitati al 47 per cento della riserva di frequenza cardiaca, che rientra nella definizione di esercizio aerobico a moderata intensità.


Lo studio ha scoperto che camminare a passo svelto migliora la funzione motoria e l'umore del 15 per cento, i punteggi di attenzione/controllo della risposta del 14 per cento, riduce la stanchezza dell'11 per cento, e aumenta la forma aerobica e l'andatura del sette per cento. Sul test della funzionalità motoria, i partecipanti hanno migliorato in media di 2,8 punti, che è considerato una differenza clinicamente importante.


"Le persone con Parkinson lieve-moderato, senza demenza e in grado di camminare autonomamente senza un bastone o un deambulatore, possono seguire tranquillamente le linee guida sull'esercizio fisico raccomandate per gli adulti in buona salute, che comprendono 150 minuti alla settimana di attività aerobica di intensità moderata, e i benefici dell'esperienza"
, ha detto Uc. Aggiungendo che questi risultati devono essere confermati in uno studio randomizzato, con un gruppo di controllo.

 

*******
Lo studio è stato finanziato principalmente dal Department of Veterans Affairs, e anche dal Centro Nazionale per le Risorse di Ricerca, dall'Istituto Nazionale delle Scienze Sanitarie Ambientali, dalla Charles W. and Harriet J. Seedorff Family e dal National Institutes of Health.

 

 

 

 

 


Fonte: American Academy of Neurology  (>English version) - Traduzione di Franco Pellizzari.

Riferimenti: E. Y. Uc, K. C. Doerschug, V. Magnotta, J. D. Dawson, T. R. Thomsen, J. N. Kline, M. Rizzo, S. R. Newman, S. Mehta, T. J. Grabowski, J. Bruss, D. R. Blanchette, S. W. Anderson, M. W. Voss, A. F. Kramer, W. G. Darling. Phase I/II randomized trial of aerobic exercise in Parkinson disease in a community setting. Neurology, 2014; DOI: 10.1212/WNL.0000000000000644

Copyright: Tutti i diritti di eventuali testi o marchi citati nell'articolo sono riservati ai rispettivi proprietari.

Liberatoria: Questo articolo non propone terapie o diete; per qualsiasi modifica della propria cura o regime alimentare si consiglia di rivolgersi a un medico o dietologo. Il contenuto non dipende da, nè impegna l'Associazione Freewalker Team asd. I siti terzi raggiungibili da eventuali links contenuti nell'articolo e/o dagli annunci pubblicitari sono completamente estranei all'Associazione, il loro accesso e uso è a discrezione dell'utente.

Nota: L'articolo potrebbe riferire risultati di ricerche mediche, psicologiche, scientifiche o sportive che riflettono lo stato delle conoscenze raggiunte fino alla data della loro pubblicazione.


 

 

 

Joomla Extensions