Studio: L'esercizio fisico è la migliore medicinaLe donne potrebbero trarre vantaggio da una prescrizione di esercizio fisico come medicina, secondo uno studio della Queensland University of Technology (QUT), secondo il quale un'attività di intensità da moderata ad alta è essenziale per ridurre il rischio di morte delle donne anziane.


La prof.ssa Debra Anderson, dell'«Institute of Health and Biomedical Innovation» della QUT, ha detto che in aggiunta ai trattamenti convenzionali per la salute fisica e mentale, i professionisti sanitari dovrebbero prescrivere programmi di allenamento su misura per le donne anziane.


La prof.ssa Anderson e la D.ssa Charlotte Seib della QUT hanno collaborato ad un articolo pubblicato su Maturitas,rivista internazionale di salute in mezza età e oltre, mettendo insieme cinque anni di ricerca che ha esaminato l'impatto dell'esercizio fisico sulla salute mentale e fisica nelle donne over-50.


"Gli studi dimostrano chiaramente che un'attività con intensità da moderata a vigorosa può avere benefici per la salute mentale e fisica, in particolare quando si svolge nell'ambito di cambiamenti positivi più ampi per la salute", ha detto la prof.ssa Anderson.


"Una volta si pensava che 30 minuti di esercizio mite al giorno fossero sufficienti per migliorare la salute, ma la ricerca ci sta dicendo che le donne anziane dovrebbero fare almeno 30-45 minuti cinque volte alla settimana di attività fisica ad intensità moderata/alta e con questo termine si intende un esercizio che lascia ansimanti e sbuffanti. E' anche importante che l'esercizio sia strutturato in modo che l'intensità alta sia sufficiente per ottenere effetti positivi sostenuti dall'esercizio".


La prof.ssa Anderson ha detto che gli studi hanno dimostrato che l'esercizio fisico ad alta intensità, rispetto ad una vita sedentaria, riduce significativamente il rischio di morte. "Gli adulti più anziani che intraprendono un'attività fisica regolare riferiscono anche disabilità significativamente minori, una migliore funzione fisica, e ciò indipendentemente dalla loro massa corporea", ha detto.


"Le donne più attive hanno maggiori probabilità di sopravvivere rispetto alle donne meno attive fisicamente. Abbiamo una popolazione che invecchia e di conseguenza promuovere l'invecchiamento in buona salute è diventata una strategia importante per ridurre la morbilità e la mortalità".


La prof.ssa Anderson ha detto che anche la ricerca ha collegato l'esercizio fisico al miglioramento del benessere mentale. "Quello che stiamo dicendo è che l'esercizio fisico ad alta intensità non va bene solo per la nostra salute fisica, ma anche la nostra salute del cervello", ha detto.


La prof.ssa Anderson, che lavora a stretto contatto con le donne più anziane attraverso programmi specializzati di benessere per le donne, ha detto che le donne più anziane sono in grado di intraprendere una serie di attività oltre il semplice camminare: "I nostri studi dimostrano che le donne dalla mezza età alla vecchiaia fanno jogging, corsa, trekking, nuoto ed equitazione" . "I medici dovrebbero sviluppare programmi di esercizio da seguire a casa e facili da integrare nelle attività quotidiane".

 

 

 

 

 


Fonte: Queensland University of Technology (>English version) - Traduzione di Franco Pellizzari.

Riferimenti: Debra Anderson, Charlotte Seib, Laura Rasmussen. Can physical activity prevent physical and cognitive decline in postmenopausal women?Maturitas, 2014; DOI: 10.1016/j.maturitas.2014.06.010

Copyright: Tutti i diritti di eventuali testi o marchi citati nell'articolo sono riservati ai rispettivi proprietari.

Liberatoria: Questo articolo non propone terapie o diete; per qualsiasi modifica della propria cura o regime alimentare si consiglia di rivolgersi a un medico o dietologo. Il contenuto non dipende da, nè impegna l'Associazione Freewalker Team asd. I siti terzi raggiungibili da eventuali links contenuti nell'articolo e/o dagli annunci pubblicitari sono completamente estranei all'Associazione, il loro accesso e uso è a discrezione dell'utente.

Nota: L'articolo potrebbe riferire risultati di ricerche mediche, psicologiche, scientifiche o sportive che riflettono lo stato delle conoscenze raggiunte fino alla data della loro pubblicazione.


 

 

 

Joomla Extensions