L'esercizio fisico aiuta le persone con il Parkinson?L'esercizio fisico può aiutare le persone con Parkinson a migliorare l'equilibrio, la capacità di muoversi e la qualità della vita, anche se non riduce il rischio di cadere, secondo un nuovo studio pubblicato il 31 dicembre 2014 on line su Neurology®, la rivista medica della American Academy of Neurology.


Per lo studio, 231 persone con Parkinson hanno avuto la loro solita cura oppure hanno partecipato ad un programma di 40/60 minuti di esercizi di equilibrio e di rafforzamento della gamba, tre volte alla settimana per sei mesi.

 


Questo programma di esercizi, supervisionato solo in minima parte, è stato prescritto e monitorato da un fisioterapista mentre i partecipanti eseguivano la maggior parte degli esercizi a casa. In media, il 13 per cento delle sessioni di allenamento si sono svolte sotto la supervisione di un fisioterapista.


Le cadute sono un problema comune per le persone con Parkinson, il 60 per cento cade ogni anno e due terzi di loro cadono ripetutamente. "Le lesioni risultanti (dolore, limitazioni all'attività e la paura di cadere di nuovo) possono davvero influenzare la salute e il benessere delle persone", ha detto l'autore dello studio Colleen G. Canning, PhD, della University of Sydney in Australia.


Rispetto a quelli del gruppo di controllo, il numero di cadute dei partecipanti che facevano esercizi si è ridotto nei pazienti con patologia meno grave di Parkinson, ma non in quelli con malattia più grave. Tra quelli con malattia meno grave è stata segnalata una riduzione del 70 per cento di cadute in coloro che hanno fatto esercizio rispetto a coloro che non l'hanno fatto.


"Questi risultati suggeriscono che i programmi di esercizio con minima supervisione, volti a ridurre le cadute nelle persone con Parkinson, dovrebbero essere avviati all'inizio del processo della malattia", ha detto la Canning.


In generale, coloro che hanno preso parte al programma di esercizio hanno ottenuto risultati migliori nei test della capacità di movimento e di equilibrio, hanno avuto meno paura di cadere e hanno segnalato umore generale e qualità di vita migliori.

 

*******
Lo studio è stato finanziato dall'Australian National Health e Medical Research Council e dalla Harry Secomb Foundation.

 

 

 

 

 


Fonte: American Academy of Neurology  (>English text) - Traduzione di Franco Pellizzari.

Riferimenti: Colleen G. Canning, Catherine Sherrington, Stephen R. Lord, Jacqueline C.t. Close, Stephane Heritier, Gillian Z. Heller, Kirsten Howard, Natalie E. Allen, Mark D. Latt, Susan M. Murray, Sandra D. O'rourke, Serene S. Paul, Jooeun Song, and Victor S.c. Fung. Exercise for falls prevention in Parkinson disease: A randomized controlled trial. Neurology, December 2014 DOI: 10.1212/WNL.0000000000001155 1526-632X

Copyright: Tutti i diritti di eventuali testi o marchi citati nell'articolo sono riservati ai rispettivi proprietari.

Liberatoria: Questo articolo non propone terapie o diete; per qualsiasi modifica della propria cura o regime alimentare si consiglia di rivolgersi a un medico o dietologo. Il contenuto non dipende da, nè impegna l'Associazione Freewalker Team asd. I siti terzi raggiungibili da eventuali links contenuti nell'articolo e/o dagli annunci pubblicitari sono completamente estranei all'Associazione, il loro accesso e uso è a discrezione dell'utente.

Nota: L'articolo potrebbe riferire risultati di ricerche mediche, psicologiche, scientifiche o sportive che riflettono lo stato delle conoscenze raggiunte fino alla data della loro pubblicazione.


 

 

 

Joomla Extensions