Ricerca spiega come il cammino aumenta il flusso di sangue al cervello

Camminare può far aumentare la quantità di sangue al cervello, secondo uno studio eseguito alla New Mexico Highlands University e presentato dal suo professore di biologia e fisica Earnest Greene ieri, 24 Aprile, alla conferenza Experimental Biology 2017 di Chicago.


"Finora non si conoscevano prorpio gli effetti dinamici della passeggiata, della corsa e del ciclismo (movimento naturale del corpo intero come nel lavoro o nell'esercizio fisico) sul flusso sanguigno del cervello umano", ha dichiarato Green. "Si supponeva che fossero strettamente controllati e generalmente costanti, come durante il riposo".


Greene e il suo team di studenti e laureati della Highlands hanno lavorato con ricercatori delle Università del New Mexico, del Colorado e di Copenaghen. Il team ha utilizzato gli ultrasuoni per misurare le onde della velocità del sangue nelle arterie carotide interne, e il diametro arterioso, per calcolare il flusso sanguigno su entrambi i lati del cervello di 12 giovani adulti sani durante il riposo in piedi e il cammino regolare.


I ricercatori hanno scoperto che, anche se c'è un impatto più leggero associato al cammino rispetto alla corsa, il cammino comunque produce onde di pressione più grandi nel corpo, che aumentano significativamente il flusso di sangue al cervello.


Anche se gli effetti del cammino sul flusso di sangue verso il cervello erano meno drastici di quelli causati dalla corsa, erano più grandi degli effetti osservati nel ciclismo, che non prevede l'impatto del piede.


"Il flusso sanguigno non è costante e varia in modo significativo con varie forme di esercizio e di movimento", ha dichiarato Greene. "Come previsto dalla semplice idraulica, le forme d'onda di pressione inverse e riflesse create dall'impatto del piede modificano drasticamente la pressione centrale del sangue che ne guida l'afflusso al cervello. Il flusso segue semplicemente le forme d'onda di pressione che sono generate dall'interazione tra frequenza cardiaca e ritmo del passo".


"Alcuni suggeriscono che questo dà al camminatore o al corridore una posizione elevata", ha detto Greene, che è attualmente Jefferson fellow alle National Academies of Sciences, Engineering, and Medicine.

 

 

 


Fonte: New Mexico Highlands University (> English text) - Traduzione di Franco Pellizzari.

Riferimenti: American Physiological Society annual meeting at Experimental Biology 2017 in Chicago. Poster session 24/4/2017.

Copyright: Tutti i diritti di eventuali testi o marchi citati nell'articolo sono riservati ai rispettivi proprietari.

Liberatoria: Questo articolo non propone terapie o diete; per qualsiasi modifica della propria cura o regime alimentare si consiglia di rivolgersi a un medico o dietologo. Il contenuto non dipende da, nè impegna l'Associazione Freewalker Team asd. I siti terzi raggiungibili da eventuali links contenuti nell'articolo e/o dagli annunci pubblicitari sono completamente estranei all'Associazione, il loro accesso e uso è a discrezione dell'utente.

Nota: L'articolo potrebbe riferire risultati di ricerche mediche, psicologiche, scientifiche o sportive che riflettono lo stato delle conoscenze raggiunte fino alla data della loro pubblicazione.


 

 

 

Joomla Extensions